Lo zio di Brooklyn (Cipri’ e Maresco 1995) streaming




Due nani mafiosi obbligano un quartetto di fratelli a dare ospitalità a un anziano padrino italo-americano in contrapposizione alla banda di don Masino, capofamiglia della zona. Una vicenda quasi ridotta al grado zero sostiene una catena di quadri, scenette, siparietti in un universo da incubo, situato in un tempo indeterminato che prefigura una Palermo periferica e deserta, anzi desertificata, dove ?sembra sia avvenuta la fine del mondo?. Galleria di mostri? Universo da discarica industriale? Microcosmo trasgressivo di zombi? Il 1? lungometraggio dei siciliani D. Ciprì e F. Maresco, reduci dalla provocatoria esperienza di Cinico TV su RAI3, è un film estremo e radicale, impregnato di un umorismo Lupu cuviu (fosco come il lupo), dove l’umanità è colta in condizioni di degrado marginale e regressione animalesca. Un universo di poverismo trasgressivo, impregnato di umori, succhi, secrezioni, escrementi in dialetto palermitano stretto, qua e là tradotto in sottotitoli italiani. Monocromo, monocorde, monotono, più estetizzante di quel che i suoi 2 autori sospettino nella loro volontà di distinguersi dalla carineria politicamente corretta del cinema italiano. Bianconero allucinato di Luca Bigazzi.